Capita una scintilla di noia

Capita di essere immersi nella vita degli altri.

Capita anche di ascoltare vite di carta.

Capita di stare a guardare il tempo scorrere.

Capita anche di appiccare un fuco sotto un ponte.

Capita di fuggire quando la trama si complica.

Capita anche di avere il coraggio della responsabilità.

Capita poi una scintilla di noia e si torna ad essere vivi.

Il club antilettura

Cari lettori bentrovati,

il libro che vorrei prendere oggi dallo scaffale della nostra bancarella ha un titolo particolare, soprattutto mi fa ripensare ai miei anni della scuola elementare, ai miei profondi desideri. Eccolo, ora è tra le mie mani, inizio a leggerlo e mi imbatto nella storia di Leo, un ragazzino che odia la lettura e si organizza con altri compagni di classe per dare origine a un gruppo di sabotatori. E ci riesce anche, con Ste, Vic e Matti fa sparire dei libri dalla sua classe, da il via a una tenace propaganda con messaggi scritti a mano. Tra una missione e l’altra il nostro gruppo si trova al parchetto a giocare a pallone e a progettare attività future. Insomma in poco tempo questi ragazzi riescono a pianificare e a rendere concreti i desideri che animano molti piccoli e grandi alunni: abolire i libri! Purtroppo però sulle traiettorie di vita di Leo passa Carlotta: affascinante  ragazzina con un solo piccolo difetto, ama la lettura! Da qua inizierà un processo alchemico volto a trasformare l’odio per i libri in amore.

Dimenticavo, non vi ho ancora detto il titolo: Il club antilettura (Mondadori 2016). L’autrice è Lodovica Cima, ha scritto più di 200 libri, ha inventato la collana Tandem per il Castoro, da editor di San Paolo ha dato avvio alla collana Le Nuvole, con alcuni amici ha da poco aperto la casa editrice Pelledoca, insomma una vera protagonista della letteratura per l’infanzia e per ragazzi.

Non mi rimane che augurarvi buona lettura!
Tratto dalla rubrica La bancarella del libro pubblicata su Novara Oggi

In mezzo alla fiaba

Ben trovati nuovamente sotto al nostro portico. L’arrivo del sole primaverile da una nuova luce alla bancarella mettendo in evidenza copertine che ci eravamo persi. Lo sguardo cade su un libro di piccolo formato con in copertina una figura umana stilizzata, di colore rosso, con lo sguardo pensante e delle parole che escono dalla sua testa. L’immagine sembra quella del Brucaliffo nel momento in cui incontra Alice e pone la celebre domanda “chi sei tu?”. Ecco che allora la copertina ci aiuta a capire in che libro ci stiamo imbattendo, un libro per scoprire chi siamo noi o meglio ancora per capire che emozioni ci animano. La via per arrivare a questa conoscenza è quella classica della fiaba: Cappuccetto rosso, Biancaneve, La bella addormenta e tante altre.

Sicuramente starete pensando ad un libro che è una raccolta di fiabe ma non è così, è un libro di poesie. Silvia Vecchini, autrice del libro, ci regala un lavoro prezioso e raffinato: di ogni fiaba ha scovato il nucleo nascosto e segreto e lo ha tradotto in immagini attraverso un meticoloso lavoro sulle parole. Leggere i suoi versi ci permette di entrare nella storia con un punto di vista differente da quello che abbiamo sempre avuto quando ce le hanno raccontate, ci permette di interrogarci su aspetti profondi della nostra vita al di là della morale della fiaba stessa. In questo percorso di riscoperta siamo accompagnati anche dalle belle illustrazioni di Arianna Vairo.

Sentite questa: A tutti servirebbe un fratello/che nel momento più scuro/esca di nascosto/e si riempia le tasche/che nel bosco resti al tuo fianco/e lasci cadere a ogni passo/un sassolino bianco. L’avete riconosciuta? È Hansel e Gretel, di questa storia, della quale forse ricordiamo principalmente la strega che attira i bambini con l’intenzione di mangiarli, l’autrice ci racconta l’importanza della relazione fraterna che diventa un sostegno nei momenti oscuri della vita.

Bene vi lascio alla domanda del Brucaliffo “chi sei tu?” e alla lettura di In mezzo alla fiaba di Silvia Vecchini (Topipittori 2015), magari troverete una o più risposte.

Dalla rubrica La bancarella del libro pubblicata su Novara Oggi

80 miglia


Una volta al mese ci incontreremo qui sotto questi portici , protetti così dalla freddo invernale e dal caldo estivo, abitati da sapienti venditori di storie che con le loro bancarelle animano questa via. Il nostro punto d’incontro sarà una bancarella molto particolare che non faticherete a riconoscere perché è l’unica ad ospitare nei suoi scaffali albi illustrati, libri per bambini e ragazzi.

La copertina che attrae oggi la mia attenzione ha come immagine quella di un ragazzo, forse di tredici anni, che ci scruta da una vecchia locomotiva. Per associazione penso ad un racconto sul tema viaggio, ma chi sta per partire? E perché? Sbircio la quarta di copertina, mi dice che Billy osserva la locomotiva sui binari con il sogno un girono di poter montare su di lei. Allora il viaggio deve essere sicuramente una metafora per parlare della crescita e quindi del futuro. Mi perdo tra le pagine del libro e inizio a viere la storia di questo ragazzo che sente stretta la vita della fattoria ma non sa come fare a trovare un’alternativa. Va allora nel saloon, il luogo dei grandi, incontra così Joe che sta raccontando una storia incredibile: a 80 miglia da quel paese c’è una terra molto florida, una sorta di paradiso terrestre. Per raggiungerlo basata proseguire il lavoro di costruzione della ferrovia e soprattutto qualcuno dovrà andare in quel luogo a costruire tutto il necessario per renderlo abitabile. Ecco che Billy trova l’alternativa alla sua monotona vita e parte all’avventura. Come tutti i viaggi sarà carico di piacevoli novità e deludenti eventi. Incontrerà degli amici averi e anche l’amore, quello dirompente  e totalizzante che solo gli adolescenti conoscono. Ma dovrà fare i conti anche con le bugie raccontate da Joe che da essere una sorta di mito diventa un uomo con i suoi limiti. E poi si troverà a ragionare sue questioni moralmente più profonde: è giusto uccidere gli indiani per costruire i villaggi? E ancora, troverà un maestro, George, che lo aiuterà a realizzare il suo sogno di guidare una locomotiva.

Vorrei dirvi molto altro ma il nostro tempo è  finito, vi invito alla lettura di questo intenso romanzo: 80 miglia di Antonio Ferrara.

Dalla rubrica La bancarella del libro pubblicata sul Novara Oggi

La foto di classe dei papà 

Il titolo è preso da un lavoro che ho avuto la fortuna e il piacere di vedere in una classe della scuola dell’infanzia. Un grande cartellone sul quale ogni bimbo ha incollato il disegno raffigurante il papà. Il potere di questo lavoro sta nell’aver aiutato i bambini a pensare al papà per poi rappresentarlo, per dargli forma, per farlo essere presente in classe nonostante l’assenza.

E poi l’importanza di dar voce alle loro fantasie, spesso ci viene spontaneo con i più piccoli insegnare loro delle cose come fossero dei contenitori da riempire mentre il modo migliore per farli apprendere è far affiorare pensieri che già esistono aiutandoli a dar loro forma e nome. 

Anche il titolo del lavoro mi ha colpito in associazione alla Sfida dei papà perché , in chiave evolutiva, si può pensare che tra gli obiettivi di crescita dei piccoli c’è la necessità di costruire un’ immagine interna del padre, immagine che da adolescenti viene rivista, messa in discussione, confrontata, come in una sfida appunto, con quella dei padri degli altri.

Scrivere queste poche righe nel giorno della festa del papà significa ridare voce e forza a questa ruolo che a volte si perde tra le pieghe delle vita. E credo che il cartellone della scuola dell’infanzia e il lavoro mio e di Antonio Ferrara in qualche  modo ci hanno provato.

 L’augurio è quello di tornare a pensare all’importanza del ruolo paterno come traghettatore verso il mondo esterno, come testimone di un futuro possibile e pensabile, come portatore di speranza.

Pensare al futuro

img_1581Venerdì 13 gennaio ho avuto il piacere di partecipare ad una serata alla scuola secondaria di  primo grado Cassano di Trecate. Il tema che ho dovuto affrontare sono stati i falsi miti dell’apprendimento: quelle trappole che in qualche modo possono ostacolare la scelta della scuola superiore e quindi il “diventare grandi” degli adolescenti.

Ho ragionato inseme a genitori e ragazzi su tematiche come la fatica, il fallimento e il dolore, tutti ingredienti che fanno parte della crescita ma che in questa epoca postmoderna vengo spesso, illusoriamente, messi da parte.

Inoltre è stata anche l’occasione per raccontare alle famiglie il lavoro che ho svolto nelle classi terze. Nel mese di novembre ho fatto un incotro per ogni classe per aiutarli a pensare al loro futuro, per sognarsi da grandi. Partendo dal romanzo Ero cattivo di Antonio Ferrara i ragazzi hanno prodotto dei brevi testi. Attraverso il dispositivo della scrittura per emozioni hanno poututo raccontarsi tra 10 anni: sono emerse emozioni, desideri e sofferenze legate al crescere. Il materiale si è trasformato da uno scritto personale ed intimo ad un oggetto culturale sul quale riflettere e discutere.

Cohousing Drinks: la costruzione del gruppo

Mercoledì 25 gennaio alle ore 18.30 presso QKing corestaurant di via Tartini 13 a Milano avrò l’onore e il piacere a uno dei Cohousing Drinks organizzati da Housing Lab.

I Cohousing Drinks sono aperitivi a tema per parlare di cohousing: occasioni per approfondire i diversi aspetti del coabitare, conoscere le iniziative in corso, incontrare potenziali cohousers. Sono organizzati da CohousingLab, rete di professionisti esperti in accompagnamento e sviluppo di abitare collaborativo e sociale.

Progettare un cohousing vuol dire fin da subito, anche quando non è ancora stato posato il primo mattone, essere un gruppo, un gruppo che prende decisioni insieme. Ecco perchè la mia partecipazione all’interno di questi eventi. Proverò a portare quell’impornta che Franco Fornari ha cercato di lasciare all’interno del lavro con le istuzioni, racconterò cosa si intende per analisi della cultura affettiva e per gestione democratica dei conflitti.

Ecco una breve descrizione degli argomenti della serata:

Essere un gruppo
Chi di noi non ha vissuto questa esperienza? Pensiamo alla nostra famiglia, alla compagnia di amici, all’associazione di cui siamo parte, … Ognuno di noi però vive in maniera diversa la sua appartenenza al gruppo giocando ruoli differenti: chi rimane più in disparte, chi esprime la sua opinione su ogni argomento, chi si prende cura degli altri, chi vuole a tutti costi avere ragione, chi si batte per la collaborazione, chi sceglie di conquistare gli altri con le parole,…

Essere un gruppo che decide insieme
Ogni giorno prendiamo decisioni condivise con altri. Diverso però è scegliere insieme agli amici in quale locale andare sabato sera dal decidere con gli altri cohousers dove vivere per i prossimi vent’anni o a quale impresa costruttrice affidare i nostri risparmi.

Una maggiore consapevolezza di qual è il mio ruolo e quello degli altri all’interno del gruppo di cohousers e la condivisione delle motivazioni di ognuno aiuta a costruire un clima democratico e a gestire i conflitti, aspetti fondamentali per la buona riuscita del progetto.

Il costo di partecipazione per ogni incontro è di 5 euro, comprensivo dell’aperitivo. Partecipazione gratuita per i soci HousingLab

I posti per gli aperitivi sono limitati, iscrivetevi mandando una mail a: info@housinglab.it