La sfida dei papà

Ferrara A., Mittino F. (2016). La sfida dei papà. Nove racconti sul padre alla prova dei figli adolescenti. San Paolo, Cinisello Balsamo.

Venuta meno la solidità della società, si fatica a mantenere saldo un ruolo di guida. Nella realtà italiana, l’attuale crisi economica da un lato e l’evoluzione rapida dei modelli sociali, di sviluppo e lavorativi dall’altro, hanno portato i padri italiani ad affrontare problematiche analoghe a quelle dei padri giapponesi, nel complesso incarico di supportare i figli nel loro percorso di crescita.

Quali sono i valori che i padri possono trasmettere ai propri figli se l’orizzonte di senso che aveva dato forma e sostanza alle loro azioni è venuto meno? Che tipo di guida può essere oggi un padre per i propri figli?

(dalla prefazione di Katia Provantina – Presidente Cooperativa Minotauro di Milano)

La Sfida dei papà è un vero e proprio catalogo di padri utile ragionare intorno al “ruolo paterno”, questo significa comprendere quali aspetti comportamentali e affettivi sia necessario giocare sulla scena educativa al fine di raggiungere l’obiettivo che è, in senso generale, la crescita del ragazzo. Dobbiamo farlo con la consapevolezza che – queIMG-20160624-WA0000(1)sto è un punto importante – il ruolo paterno non deve obbligatoriamente essere associato a una persona di sesso maschile o che realmente sia padre.

Il libro si pone in continuità con un libro precedente Scappati di mano, esso infatti condivide il modello di tipo narrativo inteso come una lente per poter leggere la realtà e apprendere essa.

Le storie scritte da Antonio Ferrara offriranno al lettore la possibilità di immergersi nella vita degli adolescenti e nel loro rapporto con il ruolo paterno. Sarà quindi possibile vestire i panni dei differenti personaggi e muoversi con essi. Il crearsi di uno spazio sospeso tra realtà e fantasia favorisce maggiormente il costruirsi di una giusta distanza tra il protagonista del racconto e il lettore, che non si sentirà né troppo coinvolto né troppo estraneo, così da favorire le funzioni elencate nel paragrafo precedente. Il mio commento che segue le storie si pone l’obiettivo di mettere in evidenza, attraverso i personaggi che abiteranno i racconti, alcuni tratti specifici del ruolo paterno che trovate sintetizzati nello schema grafico che segue questa introduzione attraverso simboli che ritroverete prima di ogni commento. Chiaramente, ogni racconto comprende più sfaccettature del ruolo paterno, ma si è scelto però di mettere in evidenza quella prevalente.

Ogni racconto metterà in scena un programma narrativo che permetterà di seguire le peripezie del personaggio lungo il suo percorso di vita. Il commento psicologico sarà quindi volto a evidenziare il programma narrativo che il protagonista del racconto deve portare a compimento (come, per esempio,costruirsi un progetto futuro), prendendo in considerazione l’intervento di possibili aiutanti od ostacoli al raggiungimento dell’obiettivo. Questo tipo di analisi permetterà di far luce sulle dinamiche affettive che guidano l’adolescente nelle sue scelte di vita.

Centrale è quindi la riflessione sulle dinamiche interne che guidano le scelte dell’adolescente, evidenziate dall’evolversi della figura del personaggio all’interno del racconto. Esso va quindi oltre a una semplice lettura dei significati perché indica, attraverso il ragionamento, anche una via di cambiamento. Il libro non va quindi considerato come un manuale di manutenzione del ruolo paterno ma come un laboratorio nel quale raccogliere stimoli, elaborarli mischiandoli con la realtà quotidiana e, infine, dare origine a modi di essere.

Il modello narrativo verrà utilizzato in altre due parti di questo libro: nell’ultimo capitolo lo si vedrà applicato a un romanzo per ragazzi (La fabbrica di cioccolato di Dahl) e dei cortometraggi (le avventure di Pippo), mentre nell’appendice si farà strumento per nominare le emozioni.

Gli schemi grafici curati dalla designer Chiara Gambarana permettono di cogliere in modo visivo sia gli elementi del modello narrativo che la teoria dei codici affettivi di Franco Fornari elenca. Inoltre si è scelto di rappresentare in modo grafico anche i vari aspetto del ruolo paterno, troverete un’icona prima di ogni commento a indicare la funzione prevalente messa in luce in quel racconto.

 

Va sottolineata la dimensione di “speranza” che emerge e si afferma nel lettore del libro. In un momento in cui la figura del padre è intensamente studiata a livello scientifico, nei convegni e negli scritti, soprattutto in relazione all’epocale cambiamento che oggi la connota e la caratterizza , la lettura del libro di Ferrara e Mittino infonde progressivamente un senso di umana compartecipazione e l’idea di “altri finali” possibili ,da ri-scrivere assieme a questi padri, ai padri che continueremo ad incontrare nei nostri Studi, a Scuola o nei gruppi di genitori, nella nostra vita. Le storie, se non rimangono un “oggetto statico” nella nostra mente , possono rappresentare uno strumento molto importante per “giocare”, nelle relazioni terapeutiche ma non solo.

(Dalla postfazione di Maurizio Stangalino – Neuropsichiatra Infantile)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...